Mascarimirì sul palco di Bande a Sud

L'Adriatico dice molte spiagge, una natura tra le più sensuali del Salento, ieri sera teatro di un altro imperdibile appuntamento di Bande a Sud 2016, nello slargo di sabbia che si trova subito dopo piazzetta Padre Pio, dove un murales dedicato a Tito Schipa segna il passaggio della bellezza intesa come possibilità salvifica, riscatto, sfida.

Si tratta di uno dei progetti del festival diretto da Gioacchino Palma che intreccia la riqualificazione urbana e la musica nelle sue molteplici declinazioni.

Ieri sera, nella Notte di San Lorenzo, protagonista sotto le stelle Gitanistan Orkestra, il progetto nato dal CD dei MascarimirìGitanistan”.

La musica da ballo salentina “Pizzica Pizzica” incontra da tempo le virtuose melodie elettrificate e i ritmi contemporanei e si è mescolata con fiati e percussioni di provenienza bandistica.

I lavori musicali di questi dieci anni sono anticamera e processo di rivelazione di questo percorso e Gitanistan, il sesto lavoro in studio, ne è la conferma. Il progetto è una riflessione sull’influenza della tradizione Rom nelle musiche da ballo del Mediterraneo e sull’influenza che, a loro volta, i Rom, hanno ricevuto.

L’idea dell’orchestra nasce appunto dal desiderio di incontrare e di capire, tramite anche le residenze musicali, come sono cambiati usi e costumi delle famiglie Rom del Mediterraneo. Bel binomio tra musica e paesaggio, tra tende montate in spiaggia dalle famiglie che per tradizione trascorrono la notte più lunga dell'estate all'aperto attendendo la stella che saprà restituire interamente tutto con la sua benevola scia, qualunque desiderio, qualunque infanzia.