Koreja presenta "Strade Maestre"

Un cartellone multidisciplinare che porta in scena teatro, danza, musica e incontri, formazione didattica, tutto sotto il segno della "diversità", quella pasoliniana dei versi "La diversità mi fece stupendo", ecco la nuova edizione di "Strade Maestre", la stagione teatrale 2016-2017 dei Cantieri Teatrali Koreja.

Stamattina negli spazi di Via Dorso a Lecce, abbiamo seguito la conferenza stampa di presentazione della rassegna di cui SalentoWeb.Tv è media partner. Il cartellone propone un cuore pulsante costituito dal primo studio del nuovo spettacolo di Koreja, con la regia di Alessandro Serra, ( 21-22 dicembre), tratto da Sulla Strada Maestra di Cechov, piccola operetta immorale.

Torna in scena anche "La parola padre" (28 gennaio), il pluripremiato spettacolo di Koreja con la regia di Gabriele Vacis. A conclusione dell'anno pasoliniano, ospiti di questa edizione due grandi nomi del teatro contemporaneo: Giuseppe Battiston con "Non c'è acqua più fresca" (4-5 marzo) e Antonio Latella con "Ma" (18 marzo), un lavoro ispirato alla madre di Pasolini.

La stagione si apre il 4 e il 5 novembre con "H+G" spettacolo per tutti e vincitore del Premio Eolo 2016, prodotto dal Teatro la Ribalta di Bolzano, Accademia Perduta Romagna Teatri ed in collaborazione con il Teatro Persona di Arezzo. Ci sarà spazio anche per il debutto nazionale di "Cammelli a Barbiana" con Luigi D'Elia. Il 3 dicembre in scena Paola Bigatto con "La banalità del male". Grande attenzione per le produzioni del territorio con Abramo (15 gennaio) dei Teatri di Bari-Teatro Kismet. Atteso il ritorno di Babilonia Teatri con "Purgatorio" (25 febbraio), mentre l'1 aprile sarà la volta della Compagnia Berardi Casolari e Gianfranco Berardi con "Io provo a volare", omaggio a Modugno.

Ma Strade Maestre è anche danza, con Claudia Castellucci e la Societas Raffaello Sanzio, Michele Rizzo con Higer e il Balletto del Sud con Romeo e Giulietta. Quest'anno inoltre Koreja ospita il progetto Cuore di Persia, domenica 18 novembre ore 18.30 e lunedì 19 novembre ore 20.45 in scena la Compagnia iraniana Moj Theater con gli spettacoli "Madri padri figli" e "Signora". Spazio anche alla musica con la sezione musicale curata da Eraldo Martucci, intenso anche l'impegno laboratoriale con "Pratica in cerca di teoria" diretto da Fabrizio Saccomanno.

Nasce il blog Postinplatea sostenuto da Koreja e continuano gli incontri letterari: in programma per questa edizione "Un poco di grazia" (Edizioni Besa Controluce) firmato da Luisa Ruggio, accompagnato da una festa nel foyer ricca di illustrazioni a cura di Chiara Chiego ed installazioni teatrali musicale e danzate. Il 12 e 13 gennaio due serate dedicate a Grotowski con Carla Pollastrelli insieme a Gigi De Luca e Thomas Richards. Il 10 febbraio sarà la volta del giornalista Emilio Negro e il suo Provincia Cronica in 12 novelle.