“Acqua” dal 5 Aprile in mostra al Must

Stella luminosa azzurra opera d'arte della mostra

“Acqua” dal 5 Aprile in mostra al Must

L’acqua, elemento naturale leggero e delicato. Ma anche forte e impetuoso, tanto trasparente quanto imponente. Nelle sue mille sfumature, conserva il mistero e dà spazio a pensieri, giochi e espressioni artistiche che diventano simili e diverse tra loro. Gli artisti contemporanei hanno “utilizzato” l’acqua come fonte ispiratrice e poi protagonista di molte opere prendendo spunto dalla sua luminosità e dalla sua essenza.

L’acqua sarà il tema principale della mostra collettiva contemporanea che verrà inaugurata al Must sabato 5 Aprile, alle ore 19.00, dal titolo “Acqua”, appunto, e che si colloca nel progetto espositivo MUSTinART e nella candidatura della Città di Lecce come “Capitale Europea della Cultura 2019”.

All’inaugurazione, alla quale parteciperanno Paolo Perrone, Sindaco di Lecce, Luigi Coclite, Assessore al turismo, spettacoli e marketing territoriale, Nicola Massimo Elia, Direttore del MUST, Toti Carpentieri, Curatore eventi espositivi museali, Gianmichele Arrivo, Coordinatore del progetto e Lorenzo Madaro, curatore della mostra, grandi protagonisti saranno le opere e gli interventi di Sarah Ciracì, Giulio De Mitri, Michele Giangrande, Raffaele Quida (presente con un'installazione inedita ispirata alle maree) con i contributi di Stefano Urkuma De Santis, Paola Mancinelli e Lucia Rotundo.

I protagonisti del progetto espositivo, ideato da Co.61, hanno interpretato il tema della mostra con una loro personalissima visione, e lo spazio a loro dedicato sarà completamente al buio. I visitatori infatti potranno visitare il Must e le opere, in un percorso delineato da emissioni luminose emanato dalle opere esposte.

Sarah Ciracì, per esempio, presenta un video a tre voci (una di queste è quella di Nichi Vendola) attorno alle diverse accezioni dell’acqua. Giulio De Mitri presenta un’installazione con tre stelle luminose che spingono il pensiero verso il mare. E gli altri? Non vogliamo svelarvi di più.

La mostra, inoltre, è accompagnata da un catalogo progettato da Pietralocale, con un testo critico di Lorenzo Madaro. Il progetto è promosso dal Settore Cultura del Comune di Lecce nell’ambito della programmazione di MUSTinART. Durante l’inaugurazione ci sarà una degustazione di vini Negramaro negli spazi della caffetteria del Museo, a cura di deGusto Salento, prima associazione con i produttori vitivinicoli di Negroamaro.