Arte Contemporanea a Lecce: un murales dedicato a Vittorio Bodini

Arte Contemporanea a Lecce: un murales dedicato a Vittorio Bodini

Secondo la legge italiana, murales o graffiti, che rappresentano la contemporanea espressione artistica urbana, sono soggetto di forti sanzioni pecuniarie e portano con sé il peso di un’azione di vandalismo. Generalmente sì, ma chi di questa restrizione ne ha fatto un’arte riconosciuta può fare eccezione.

E’ il caso di Chekos' Art, noto a livello nazionale ed internazionale come uno dei pochi protagonisti della scena street art proveniente dal Sud Italia. Un’artista leccese che, dopo aver largamente raccolto consensi con la sua arte in giro per il mondo, ha regalato al quartiere di Borgo Pace, con la complicità degli artisti della galleria leccese 167/B Street, un grande omaggio a Vittorio Bodini.

Un monaco rissoso vola tra gli alberi

Questa è la frase che sinuosamente si imprime sul fianco sinistro di una lunga schiera di palazzi, in uno spazio banalmente urbano e chiaramente periferico.
Difficile da osservare ancor di più da fotografare, nonostante la sua grandezza, il murales in questione è alto più di trenta metri ma il suo posizionamento non rende giustizia alla sua magnificenza e a quella del Bodini.

Il Poeta Vittorio Bodini, leccese e padre di queste parole, scriveva questi versi con l’intento di polemizzare sull’immobilità della cultura cittadina, parafrasando la metafora di San Giuseppe da Copertino ne’ “Il Santo dei voli”. Egli descrive una cultura leccese superficiale, che non ama scavare all’interno delle cose e che non è tragicamente incuriosita da queste.

Desiderosa di quale sarebbe potuto essere il giudizio del poeta dinanzi a quest’opera, vi auguro di poterla scorgere, e anche sol per un’istante soffermarvi a decifrare stralci del graffito che citano:

“...e per cielo lattuga ed erba cedrina,
il verde cielo di una tartaruga nell’orto dell’adolescenza
...”.

Scongiurando che le parole del poeta, tramite la contemporaneità dell’artista rimangano arte pura e non triste verità!

(A cura di Esmeralda Cristiana Prete)