Ambiente: seminario con Vander Tumiatti sugli agenti PCB

Seminario a Confindustria con Vander Tumiatti

Oggi si svolgerà un importante workshop sulla gestione degli agenti inquinanti denominati PCB. Vander Tumiatti, di Sea Marconi Technologies e consulente dello United Nations Enviromental Program, spiegherà alle aziende salentine come gestire e smaltire queste sostanze nel rispetto dell'ambiente. Appuntamento alle ore 16:00 presso la sede di Confindustria Lecce.

I PCB (policlorobifenili) sono una famiglia di 209 congeneri (sostanze individuali) classificati come contaminanti persistenti, diffusamente presenti ovunque. Dagli anni ’20 in poi, nel mondo ne sono state prodotte fra 1.200.000 e 1.700.000 tonnellate, equivalenti al carico di 6 o 7 superpetroliere. Queste sostanze, proprio per la loro incredibile stabilità, sono state utilizzate per gli scopi più vari: in colle, vernici, ceramiche, condensatori, carta carbone autocopiante, lampade, apparecchiature elettriche ed elettroniche quali computer,elettrodomestici, autovetture, riscaldatori elettrici ad olio, sigillanti, plastiche, pesticidi, ecc.

Contrariamente a quanto si dice, i PCB non sono classificati come cancerogeni dalle direttive europee o dalla legge italiana, ma sono comunque prodotti bioaccumulabili e persistenti nell’ambiente. E sono più vicini di quanto si possa immaginare: nel grasso umano, ad esempio, se ne trovano fino a 10 mg/kg; nel latte materno fino a 390 µg/chilo; nel pesce di mare fino a 190 mg/kg; nelle acque marine della costa mediterranea fino a 13 mg/litro, negli uccelli in Europa fino a 14.000 mg/kg!

Per questo motivo è stata decretata, a livello nazionale, europeo ed internazionale, la messa al bando della produzione di nuovi PCB, prescrivendo tempi e modalità per l’inventario, la gestione, la decontaminazione e/o smaltimento delle apparecchiature e dei fluidi che li contengono oltre la concentrazione limite di 50 mg/Kg. Per quanto riguarda i trasformatori elettrici, che sono tra le macchine utilizzate dalla maggior parte delle aziende, la legge impone di decontaminare e/o smaltire, entro il 31 dicembre di quest’anno, tutti quelli contenenti fluidi con più dello 0,05% di PCB (500 mg/kg).

Per consentire alle aziende associate di farlo nel migliore dei modi, Vander Tumiatti, leader di Sea Marconi Technologies, terrà oggi un seminario dal titolo: “Olio & PCB nei trasformatori elettrici e sistemi energetici: obblighi, stato dell’arte “BAT & ESM” 2010 per inventario, controllo, gestione, decontaminazione e/o smaltimento di parchi macchine e liquidi isolanti”. Il workshop che Tumiatti terrà, in qualità di esperto internazionale dei PCB e consulente PEN-UNEP (Programma ambientale delle Nazioni Unite), alla Confindustria di Lecce assieme al chimico dott. Emidio Sonnessa, è un’occasione importante, non solo per gli addetti ai lavori, ma per tutte quelle imprese del territorio salentino che entro il 31/12/2010 dovranno provvedere alla decontaminazione e/o smaltimento dei propri apparecchi e fluidi. Come si può leggere infatti sulla Gazzetta Ufficiale del 7 giugno 2007, Il CDP Process di Sea Marconi è stato indicato dal Ministero dell’Ambiente come “la risposta più efficace e flessibile” per l’attuazione della Direttiva Europea nel settore delle attività di controllo e decontaminazione dal PCB.