A Lecce l'Albero della Cuccagna di Paladino

Quando arrivi nello slargo antistante Palazzo dei Celestini, ti rapisce lo sguardo il blu che spicca contro la pietra calda del complesso architettonico finemente ricamato. Guardi in alto, verso il cielo, cerchi la sommità e tutto scorre in verticale come quando sei bambino e le immagini, i segni, i simboli si intrecciano formando un nuovo alfabeto. Quello che stai guardando non è un albero qualsiasi, è “L’albero della cuccagna” di Mimmo Paladino, un'opera alta 15 metri e che segna il ritorno dell'artista a Lecce e nel Salento.

L’opera è stata inaugurata questa mattina alla presenza, tra gli altri, del critico d’arte Achille Bonito Oliva e dell’artista Mimmo Paladino.

#salentowebtv #weareinsalentoIl blu dell'Albero della Cuccagna di Mimmo Paladino si staglia contro il colore caldo...

Pubblicato da Salentoweb.Tv su Sabato 6 febbraio 2016

L'albero della cuccagna, infatti, rientra nella mostra curata da Achille Bonito Oliva “L’Albero della Cuccagna. Nutrimenti dell’arte”, una rete espositiva diffusa in tutta Italia, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, tra musei e fondazioni pubbliche e private che coinvolge 45 artisti, scelti dal critico d’arte per realizzare opere ispirate al tema arcaico dell’albero della cuccagna. Un simbolo di abbondanza eletto dall’arte a monito, per invitare a riflettere sui temi dell’alimentazione e sulle sue implicazioni sociali.

“Credo sia lo spazio a definire la dimensione dell’opera e in quanto da sempre affascinato dalle architetture, dalle storie e dalle consuetudini di un Sud che mi appartiene – commenta l'artista Mimmo Paladino – ho inventato per Lecce una sorta di macchina barocca alta quindici metri formata dal sovrapporsi e dall’intersecarsi, progettato e casuale al tempo medesimo, di uno, due, tre … cento numeri 1, 2, 3, tutti in legno, da leggersi quali definiti ed identificati moduli scultorei oltre che chiara allusione all’infanzia ed al gioco. Rammentando anche il significato di quelle tre cifre, e passando dal 3 simbolo della perfezione e origine del movimento, al concetto di espansione che si identifica nel 2, al valore unificante e infinito, al limite del divino, dell’1 cuspide verso il cielo dell’albero della cuccagna. Colorando tutto di blu, nella conferma della dimensione immateriale del messaggio”.

Il progetto è stato promosso e sponsorizzato da Art&Co Gallerie in collaborazione con l’associazione Spirale di Idee e il Comune di Lecce. Quando sei davanti all'Albero della Cuccagna sei dentro ad un frammento onirico, il pezzo di un sogno reale, il linguaggio di un artista e di un uomo in grado di restituire allo spettatore l'infanzia delle emozioni vive.