#Peggiomisento: Il pelo lo vuoi irto o setoso?

Di Bruna Pizzichini per Lunita Pascal
(in copertina Isaiah Webb / Mr. Incredibeard )

Bene, rieccoci di nuovo qui, è passato un po' di tempo, ma non importa.

Certo è che vi starete domandando cosa diavolo avrei da raccontarvi, bla bla bla ,un sacco di parole sparse mi frullano per la testa ma non importa, riuscirò a metterle in fila, perché ho troppa voglia di parlare, di raccontarvi le mie sensazioni da "PEGGIO MI SENTO!"

Dove vai?

Passeggiata in centro storico, luce stupenda rimbalza sulla pietra dei palazzi, intenso-giallastra, perfettamente in tono con i profumi di questo pomeriggio "che minaccia primavera" in cui chiunque sarebbe disposto a perdersi.

Ogni volta che giro per la mia città, ogni volta è un'emozione, dico sul serio... sono capace ancora di emozionarmi, di stupirmi puntualmente per un particolare mai notato prima, mai osservato abbastanza. E i volti che incrocio in strada, tutta una serie di facce diverse collegate ad abiti, interessanti sequenze di occhi-naso-bocca e cotone-denim-cuoio... la mia dose quotidiana di street-style-watching...

#salentowebtv#Peggiomisento, il blog di Salentoweb.Tv a cura di Bruna Pizzichini per 273 LunitaPascal, questa settimana...

Pubblicato da Salentoweb.Tv su Martedì 23 febbraio 2016

Roba da strada

Quante volte vi sarà capitato di girare la testa al passaggio di uno/a sconosciuto/a rischiando di essere investiti o di suscitare le gelosie di lei/lui!

Per me sono il paio di mocassini di quella tizia, il morbido foulard di quel tale, le maniche rimboccate finto-casual della ragazza all'angolo, il combo giacca&cravatta di quel tardo-yuppie a mandare in tilt il mio cervello, impazzito nella selezione di outfit perfetti nel loro essere casuali che altro che Fashion Week!

Questa settimana però, messa da parte storia del costume e nuovi stilisti emergenti, ho scandagliato cos'è in voga in strada per la parte più in vista del nostro corpicino.

Tricologia estrema

Sono i nostri umori che si esprimono per primi nel trucco e parrucco. Capelli, sopracciglia/ciglia, barba che sia, oggi è davvero "distintivo" esprimere la propria personalità definendo pieghe, sforbiciate, tagli... Okay, è risaputo... il gioco dei capelli fruscianti, profumati ed in piega è una delle armi letali della seduzione... e quella lacca super strong perfettamente nebulizzata su uno di quei meravigliosi tagli "incornicia viso" (contengono feromoni scatenanti, è risaputo... Leggenda metropolitana della sarta di Legnago inseguita da un'orda di gatti all'uscita del parrucchiere...)? E poi baffi rinascimentali, barbe hipster che neanche a Brooklyn, il frisè (a volte ritornano) per una acconciatura da gaufre belga...

#salentowebtvLe sensazioni da #Peggiomisento, il #blog di Salentoweb.Tv firmato Bruna Pizzichini, sono universalmente...

Pubblicato da Salentoweb.Tv su Martedì 23 febbraio 2016

Gioventù cheratinica

Comitiva di ragazzi, il sole mi offusca la vista, avanzo tranquilla, poi metto a fuoco il terzetto:

Il tipo "fronte del porto": riccioli attaccati al volto in un itrionfo di super gel extra strong e impasto colato sulle guance. Effetto finale random tipo lupo mannaro/gorilla. Baldanzoso ma catarifrangente per qualsivoglia pulzella...

Il tipo "al centro del mondo": magro da far paura, un pettine sapiente ha domato i suoi capelli ribelli in uno schiaffo laccato in stile anni cinquanta. Basette acconciate in soffici favoriti cotonati (che neanche il Camillo Benso). Rivoluzionario ma stira la mamma.

Il tipo "kiss me Licia": taglio bio-dinamico e alcuni malcelati problemi di acne. Punto di fuga: le sopracciglia più villose del mondo (Marrabbio perde miseramente la partita, anche se il gattaccio accucciato sulla sua fronte non tradisce emozione alcuna). Revival '80.

Il fatto che lo sdoganamento del pelo sia ormai avvenuto e bello-e-conclamato non implica il dover perdere il proprio senso critico. L'essere alla moda è uno dei vezzi più inutili e divertenti, le mode cambiano e noi ci evolviamo con loro. Dopo decenni di emancipazione e cortei in strada contro l'incubo del pelo ascellare, il sogno di noi donne è divenuto realtà. Abbiamo impugnato gli epil-dolor (incubo delle televendite pomeridiane), sempre pronte a strappare qualsiasi pelo superfluo fosse apparso sul nostro corpo. È la moda del glabro, ma lo facciamo soprattutto per voi, voi maschietti. Quindi non sarebbe male se anche i vostri di peli venissero amati e curati come i nostri perché io a guardarvi....scusate ma......PEGGIO MI SENTO!